ANSA – BRUXELLES, 18 giugno 2020

Dichiarazione di Sandro Gozi sulla sentenza della Corte di Giustizia dell’Ue sulle restrizioni imposte dall’Ungheria alle Ong

“La sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea, che ha dichiarato illegali e incompatibili con il diritto comunitario le restrizioni imposte dall’Ungheria alle Ong, è un duro colpo al regime illiberale di Viktor Orbán e un primo importante passo verso il ripristino dei diritti fondamentali, delle libertà della società civile e dello stato di diritto, troppe volte infranto dal presidente ungherese”.

“Adesso abbiamo il dovere di vigilare affinché la sentenza venga effettivamente rispettata: non possiamo tollerare in Europa abusi di questo tipo da parte di un paese membro, comportamenti incompatibili con i valori comuni e i principi su cui è fondata l’Ue.”

“Quella di oggi è una giornata importante, l’ennesima sconfitta negli ultimi tempi per i nazionalisti, per i sovranisti e per chi vuole distruggere il sogno democratico europeo”.